Press "Enter" to skip to content

Wall Street Football: importante accordo strategico

Giovedì 18 marzo durante l’incontro con Wall Street Football, Giovanni Bertoli, CEO e Co-founder, ha spiegato i punti essenziali dell’accordo con Scientific Games che permetterà ai prodotti Wall Street Football di essere facilmente integrati sulle maggiori piattaforme online di betting.

L’integrazione consentirà di ridurre i tempi operazionali e i rischi legati al lancio dei prodotti Wall Street Football da parte dei clienti Scientific Games ad essi interessati, accelerando significativamente la velocità con cui l’azienda potrebbe arrivare sul mercato globale.

Si tratta sostanzialmente di un contratto di integrazione e distribuzione secondo il quale i nostri prodotti, ovvero le nostre feed, modelli di princing, il quote Under/Over sugli elementi di performance dei singoli calciatori dei massimi campionati al mondo, saranno integrati all’interno della loro piattaforma e poi ridistribuiti tra i loro vari clienti. Questo è il loro business model, aggregano contenuti e sono integrati con tutte le più grosse case di scommessa. Man mano che integrano nuovi prodotti, molte di queste case scommessa gli chiedono di distribuirli. Sono in un Plug and play quindi, una volta integrati con Scientific Game, in un click possiamo finire sui siti di queste case di scommessa che sono anche le più grosse: Skybet, William Hill, Ladbrokes/Coral (GVC), etc.

Giovanni Bertoli, ceo Wall Street Football

Resta la possibilità per Wall Street Football di servire direttamente qualsiasi altro operatore non avendo riservato un’esclusiva a Scientific Games.

Ho accettato il ruolo di Champion perché mi è piaciuto molto il modello di business. Credo nelle potenzialità dei dati applicati a tutto ciò che ruota attorno al mondo dello sport. Un asset come quello sviluppato internamente da Wall Street Football può essere usato per moltissime funzionalità, una è quella del betting, un’altra è quella dello scouting dei dati che sta rivoluzionando il mondo del calcio. Ormai si va in una direzione che all’estero è completamente affermata, in Italia sta facendo ora capolino. L’investimento principale che fanno le società di calcio, l’acquisto dei cartellini, non è più guidato dal fiuto, dall’intuito, dalla conoscenza e dalla competenza, ma è sempre più un’attività organizzata, basata sulla raccolta e l’elaborazione dei dati per finalità di selezione. La capacità di immagazzinare dati su migliaia di giocatori consente di fornire all’area tecnica di un club dei report utili per la selezione dei profili giusti sui quali interagire per acquisire il giocatore.

Alessandro Giudice, Champion Wall Street Football