Press "Enter" to skip to content

L’equity crowdfunding continua a crescere

fonte: il Sole 24 Ore
.

Nuovi record nel 2020 per l’equity crowdfunding in Italia, che raggiunge i 251 milioni cumulativi (negli ultimi sei anni). Non solo. Con oltre 122 milioni di euro, nel solo 2020 il comparto è cresciuto del 95% rispetto all’anno precedente, secondo i dati elaborati da Starteed. Un risultato che conferma il consolidamento di un segmento che continua a riscuotere successi, nonostante la crisi dovuta alla pandemia e che vale circa il 31% della raccolta complessiva del crowdfunding.

L’immobiliare continua a crescere attirando investitori retail, grazie a rendimenti elevati e si confermano attrattivi anche veicoli di investimento che hanno mitigato il rischio legato all’investimento in singole startup.

dopo l’incertezza dei mesi estivi sulle prospettive future, l’equity ha riaccelerato in modo consistente in autunno perché le startup avevano bisogno di capitali per affrontare le difficoltà o sostenere una domanda più grande: penso alle realtà attive nel food delivery, intrattenimento online, ecommerce

Claudio Bedino, ceo di Starteed

Diverse campagne hanno finanziato le startup impegnate nella riconversione digitale del proprio business.

Il trend è sicuramente molto positivo ma bisogna comunque considerare che il mercato italiano soffre di nanismo rispetto agli altri mercati nazionali. Il motivo emerge dalla lettura dei dati Aifi: il valore del venture capital in progetti seed, cioè progetti in fase iniziale tipici nell’equity, vale circa 100 milioni all’anno. In Francia si aggira su 1,5 miliardi. Questo perché generalmente in Italia si investe sulla propria impresa, non sull’impresa di altri

Alessandro M. Lerro presidente dell’Associazione Italiana Equity Crowdfunding e Comitato scientifico di Assofintech

In arrivo le regole Ue

Un limite culturale a cui potrebbe venire in soccorso il regolamento europeo sul crowdfunding che darà la possibilità di raccogliere in tutta Europa, anche in paesi in cui gli utenti hanno una propensione all’investimento più alta e

sono interessati alle imprese italiane, penso soprattutto a quelle tecnologiche e immobiliari

Alessandro M. Lerro presidente dell’Associazione Italiana Equity Crowdfunding e Comitato scientifico di Assofintech

In particolare il regolamento 2020/1503, (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Union Europa il 20 ottobre 2020), interviene sugli European crowdfunding service providers (Ecsp). La disciplina offre la possibilità alle piattaforme di raccogliere capitali anche al di fuori del proprio Paese.

.
Inizia ad investire con Doorway, chiedi subito il tuo pass di accesso: https://www.doorwayplatform.com/it/invest