Press "Enter" to skip to content

Ecosistema Startup: a che punto siamo?

In un recente articolo de Il Sole 24 Ore, Angelo Moratti, presidente esecutivo del family office Angel Capital Management e di Milano Investment Partners Sgr, ha parlato dell’attuale situazione finanziaria con un occhio di riguardo alle startup:

«Il modello inglese ha fatto un buon lavoro. C’è stato un processo di defiscalizzazione sugli investimenti in startup dieci anni fa e ha creato il meccanismo importante che ha poi fatto decollare l’ecosistema. Da lì è nato l’Aim che è diventato immediatamente un mercato internazionale per startup e scaleup […] L’aiuto da parte del governo è importante ma deve essere il primo passo. In realtà ci sono altri player che devono fare il loro come le università ad esempio. Le fondazioni dovrebbero iniziare a investire nei venture capital. Sono stati fatti passi avanti importanti, ma l’Italia resta indietro rispetto a Germania, Inghilterra e Francia. Ci vuol tempo per creare un sistema maturo perché le normative ci sono».

Moratti ha inoltre evidenziato come ogni crisi del passato sia stata succeduta da importanti rivoluzioni nell’ambito imprenditoriale, dando vita a multinazionali come Disney, Apple, Google, Amazon fino alle più recenti Uber ed AirBnb. Per questa ragione, una volta superata l’emergenza sanitaria possiamo aspettarci una ripresa dell’ecosistema imprenditoriale, puntando sulle eccellenze italiane:

“[…] in Italia non nascerà la prossima Tik Tok, spiega Moratti, perché «non possiamo competere con altri hub interazionali su questo terreno. I settori che, a nostro avviso, si svilupperanno sono la logistica con il delivery, il video conferencing, l’online education, l’online gaming, il fintech, oltre ai grandi pilastri dell’intelligenza artificiale e ecommerce. L’Italia, però, deve puntare sulle sue eccellenze: fashion, food, design e travel».

Leggi di più su Il Sole 24 Ore.

Scopri le opportunità di investimento su Doorway Platform.