Press "Enter" to skip to content

ACBC: La sneaker modulare ed eco-sostenibile

In un’epoca di fast fashion, in cui i capi d’abbigliamento sono quasi usa-e-getta, due giovani imprenditori italiani hanno deciso di lanciare sul mercato una sneaker eco-friendly rivoluzionaria. Loro sono Edoardo Iannuzzi e Gio Giacobbe, rispettivamente Creative Director e CEO di ACBC, grazie ad una nuova tecnologia brevettata hanno dato vita ad una scarpa modulabile. In un’intervista a Business Insider i due giovani imprenditori raccontano come è nata l’idea ed in che modo si sta imponendo sul mercato.

Di seguito qualche estratto dell’intervista:

Edoardo Iannuzzi: “È un settore (quello delle sneakers, ndr) che è rimasto statico negli ultimi anni, abbiamo cercato di innovarlo partendo dalle esigenze dell’uomo contemporaneo, che si sposta e viaggia molto, passa da un luogo all’altro nella stessa giornata. Inoltre in un’ottica green abbiamo sviluppato il progetto anche con il fine di ridurre l’inquinamento derivante dai processi produttivi, allungando il ciclo di vita della scarpa

Gio Giacobbe: “Con 10 suole e 100 tomaie a disposizione si possono creare fino a 1000 combinazioni diverse. Il prodotto completo costa in media 120 euro. La sua particolarità sta proprio nella zip, che è unica: la posizione e la tipologia permettono l’intercambiabilità”.

“Comprando una sola suola e due skin al posto di due paia di scarpe, si taglia il consumo di materia prima – la plastica – e la quantità di energia necessaria per iniettare quella plastica nello stampo. In genere – sottolinea Edoardo – si tende a scartare una scarpa prima dell’effettivo consumo della suola: non la indossiamo più perché non ci piace il colore o il modello, perché la tomaia si è sporcata o è vecchia, perché è diventata fuori moda”.

ACBC è ora in funding su Doorway Platform. Scopri di più!