Press "Enter" to skip to content

ACBC e Chitè nominate tra le Top 28 startup italiane secondo i migliori VC

La scena tech italiana non ha avuto negli ultimi anni lo stesso sviluppo del resto di Europa. Nel 2020, i Venture Capital hanno investito solo 447 milioni di dollari in startup italiane, un calo rispetto al 2019 e solo un decimo degli investimenti effettuati in Francia o in Germania. Ma nonostante questo, alcuni VC vedono nell’Italia un paese pieno di gemme nascoste e talenti emergenti.

Quali sono dunque le startup italiane più promettenti? Sifted, una società di analisi e ricerca specializzata in startup, lo ha chiesto a tre Venture Capital italiani: P101, 360 Capital e United Ventures.

Tra le 28 aziende nominate, figurano anche ACBC e Chitè di cui Doorway ha seguito con successo il fundraising in piattaforma.

ACBC: è una start-up innovativa che progetta e produce calzature sostenibili brevettate. Nata nel 2014 da due giovani Italiani, Edoardo Iannuzzi e Gio Giacobbe, ACBC diventa subito globale grazie ad un video che raggiunge 50 milioni di visualizzazioni e oltre 2500 clienti worldwide. Ad oggi ACBC ha all’attivo 13 store monomarca in 9 paesi e vanta collaborazioni in co-brand con marchi tra cui Moschino e Armani.

ACBC ha creato un concetto rivoluzionario di calzatura, che utilizza materiali ecocompatibili tra cui canapa, plastica riciclata e mais e permette l’intercambiabilità tra tutti i modelli di suole e tutti i modelli di tomaie attraverso una cerniera. La tecnologia è protetta da un brevetto esteso a tutti i principali mercati mondiali.

Oltre alla personalizzazione delle scarpe, ACBC offre un prodotto perfetto per viaggiare senza dedicare spazio in valigia per le calzature ed offre evidenti vantaggi dal punto di vista dell’ecosostenibilità. Infatti, condividendo una medesima suola per molteplici scarpe, ci sono ovvi e consistenti risparmi in termini di emissioni in fase produttiva.

Chitè: è il primo brand di Lingerie ad offrire una customer experience innovativa grazie ad una piattaforma di personalizzazione online in 3D, prossima al lancio (febbraio 2020), che consente alle clienti di creare il proprio capo su misura scegliendo sia i colori, i tessuti, i componenti, sia la taglia perfetta.

Chitè che ha come pilastro fondamentale il Made in Italy: gli articoli vengono realizzati a mano da sarte italiane seguendo l’idea di una filosofia “Slow Couture”. Lenta manualità, meticolosa attenzione ai dettagli, alle proporzioni, alla qualità delle rifiniture, sono gli elementi che contraddistinguono la produzione dei capi. Chitè crea pezzi unici e limitati di intimo in capsule collections, anziché seguire la stagionalità, proponendo un prodotto sempre nuovo e ricercato.

La mission è quella di ispirare la donna affinché possa sentirsi sicura di sé stessa, femminile, valorizzando la propria bellezza e la propria fisicità attraverso una lingerie curata e raffinata, che vesta perfettamente sul corpo.

Chitè aspira a diventare il brand online leader e il marchio di riferimento per soddisfare le esigenze del mondo femminile di oggi.